LOADING

Type to search

Didacta 2024: a Firenze di scena la scuola del futuro

Share

Si è aperta alla Fortezza da Basso di Firenze la settima edizione di Didacta 2024, il più importante appuntamento sull’innovazione della scuola, che ha fatto registrare da subito un’ampia affluenza di pubblico tra docenti, dirigenti scolastici, educatori e operatori provenienti da tutta Italia.

Nata nel 2017, la fiera è cresciuta fino a contare 430 aziende partecipanti e specializzate nel settore dell’education. “Alla base della scuola ci sono principalmente i valori della libertà e del lavoro. E la libertà coincide con la crescita culturale, che permette allo studente di realizzarsi come cittadino maturo e responsabile, libero da condizionamenti”, ha commentato in occasione dell’inaugurazione di Didacta 2024 il ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara. “L’istruzione deve far emergere i talenti e le potenzialità di ognuno, fornire ai giovani gli strumenti per poter realizzare le proprie aspirazioni e i propri sogni. Didacta Italia è un appuntamento fondamentale perché ogni anno presenta le migliori pratiche per poter attuare tutto questo: esperienze a confronto, nuove tecnologie, incontri e dibattiti ad altissimo livello tra tutti i protagonisti del mondo della scuola”.

Partner scientifico della manifestazione è Indire, che ha organizzato oltre 130 workshop e seminari dedicati a vari temi. “Tra questi, l’intelligenza artificiale, al centro di numerose applicazioni e riflessioni nella scuola”, conferma la presidente di Indire, Cristina Grieco. “Le iniziative proposte mirano a comprendere quali possono essere le sue potenzialità e i futuri sviluppi. Nella nostra attività di ricerca, oltre all’AI, rimane centrale la relazione con gli studenti, che passa attraverso il lavoro fondamentale svolto dai docenti. E in questa ottica abbiamo messo a disposizione degli insegnanti la nostra esperienza sull’innovazione delle metodologie, dei curricula e organizzativa per la scuola”.

Per maggiori informazioni: fieradidacta.it  

Tags:

You Might also Like

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *